Scuola: Approvata la proposta M5S su fase transitoria e abilitati

 

Ieri, a quattro anni di distanza dall’ingresso del M5S in Parlamento,

è arrivato un risultato storico che rappresenta un deciso passo in

avanti nel grande problema del precariato endemico nella scuola

pubblica italiana, ovvero il riconoscimento della professionalità del

personale docente abilitato con percorsi di tirocinio formativo attivo

(TFA) e percorsi abilitanti speciali (PAS).

La proposta dei deputati M5S in Commissione cultura è stata quasi

integralmente recepita nel parere di maggioranza, che in sostanza

chiedeva l’immediata assunzione dei docenti GAE e GM 2016, che sta per

Graduatorie ad esaurimento e graduatorie di merito, superando il

limite ingiusto e incostituzionale del 10% stabilito dalla legge 107,

l’inserimento di tutti gli abilitati in graduatorie di merito

regionali a scorrimento per l’immissione in ruolo in base al

fabbisogno reale delle scuole, il rafforzamento dell’anno di prova, in

modo da consentire una reale valutazione delle competenze relazionali

e metodologiche degli insegnanti, ed infine più certezze e percorsi

prioritari e agevolati per i docenti di terza fascia con servizio, ed

il blocco dei percorsi abilitanti costosi e inutili.

Il parere approvato ricalca quanto i miei colleghi di Commissione cultura

avevano inserito nella proposta di legge M5S depositata due anni fa

sul reclutamento

http://www.camera.it/_dati/leg17/lavori/stampati/pdf/17PDL0029780.pdf,

che includeva una fase transitoria ed una fase futura molto simili a

quanto approvato con questo parere.

Resta ancora molto lavoro da fare procedere ad un piano assunzionale per

l’infanzia e la scuola primaria, riconoscendo la professionalità dei

laureati in scienze della formazione primaria (SFP) e diplomati

magistrale, e procedere ad un piano assunzionale per gli ausiliari

tecnici amministrativi, il cosiddetto personale ATA: ex bidelli,

collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, cuochi,

ecc., anch’essi precari da troppo tempo.

Bisogna lavorare sulle classi di concorso in esubero, evitando che le

graduatorie di merito previste da questo decreto impieghino troppi

anni per essere smaltite, iniziare a ragionare a lungo termine sulle

situazioni emergenziali; ma ieri si è compiuto un primo importante

passo nella direzione che abbiamo sempre auspicato, a dimostrazione

del fatto che quando la politica fa uno sforzo reale nella direzione

della condivisione delle proposte con i cittadini, il M5S riconosce

questo sforzo.
Seguimi su:

Lascia un commento

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Enjoy this blog? Please spread the word :)